','

');} ?>
+39 011 641888

La fanciullezza

Maria Anna nasce a Torino, terzultima di dodici figli, dai conti Fontanella. Al Processo Informativo Ordinario, apertosi nel 1720 a meno di tre anni dalla sua morte, il padre Michele di S. Teresa, carmelitano scalzo, testimonia: «Io so che la detta serva di Dio suor Maria degli Angeli nacque l’anno 1661 li 7 gennaro in questa città di Torino nella casa propria dè suoi genitori posta sotto la parrocchia de’ Santi Simone e Giuda, e in faccia alla chiesa parrocchiale… Io so esser detta serva di Dio… nata dalli furono ill.mi Signori Giugali Giovanni Donato Fontanella e Maria Tana Fontanella. Detto Signor Giovanni Donato era nativo di questa città, e la signora Maria Tana era della nobile famiglia dè Signori Tana Santena di Chieri… Signori che vivevano delle loro opulente entrate, ambi nobili di progenie, massime la madre della detta serva di Dio, la quale era congiunta in secondo e terzo grado con il Beato Luigi Gonzaga della Compagnia di Gesù» .

Per le altre notizie riguardanti la fanciullezza e tutta la vicenda umana e spirituale della nostra santa abbiamo la fortuna di poter attingere a una fonte di prima mano, la sua Autobiografia, scritta per ordine dei superiori e a loro diretta verso l’anno 1686, sotto forma di semplice relazione, senza titolo, in uno stile immediato, scarno, essenziale, alieno da qualsiasi artificio letterario e da quel vuoto verbalismo che contraddistingue altri scritti dell’epoca. Una confessione disincantata, in cui il vero protagonista è Dio, il buon Pastore che «non si stanca di seguitarmi, cercando la povera pecorella smarrita». Dal documento emergono nitidi i ricordi della fanciullezza, dell’adolescenza, dei primi anni giovanili vissuti in famiglia e al carmelo di S. Cristina in Torino.

Marianna trascorre un’infanzia serena, circondata dall’affetto dei genitori e dei fratelli, in un ambiente signorile e agiato, di solidi principi cristiani. Fin dai più teneri anni, annota, «ero alquanto incline al bene, facendo altarini, recitando orazioni, mentre le altre stavano ricreandosi, gustavo sentire parlare di Dio e pigliavo spesso un mio fratello per ragionar seco delle cose del cielo, secondo la nostra poca capacità».

Una delle domestiche di casa Fontanella, evidentemente molto pia, si preoccupava di leggere ai due fanciulli «vite dei santi» e la loro fantasia ne rimaneva colpita, così che «un giorno ci accordassimo, mio fratello e me, di imitarne una, e questa fu di andar nel deserto per far penitenza. Ci preparavamo una piccola taschetta con del pane e una piccola bottina di vino, dicendo fra noi due: basta che ci duri fino al deserto, là poi Nostro Signore provvederà».

Alla sera i due fuggitivi osservarono attentamente dove veniva riposta la chiave di casa per «poter fuggire… senza che nissuno di casa se ne accorgesse». Ma la mattina seguente restarono addormentati e quando la domestica andò a svegliarli come di consueto, fu sorpresa dal loro pianto inconsolabile. «Ci chiamavano perché piangessimo, ma non potevano cavarci niente». Quando poi si scoprì la piccola bisaccia, le domande si fecero più incalzanti e l’interrogatorio più serrato, ma i due piccoli congiurati erano muti come pesci. Si fece ricorso allora alla minaccia «di staffilate» se non confessavano la verità ,«e io – ammette umilmente Marianna – come più nemica del patire, li scoprii il tutto, e così il tutto andò in vano» .

L’episodio, che richiama immediatamente alla memoria quello analogo di Teresa de Ahumada e suo fratello Rodrigo che fuggono di casa per andare a morire martiri per Cristo nelle terra dei mori, rivela subito nella piccola Marianna il temperamento vivace e volitivo, una sensibilità acuta per i valori dello spirito, l’innata capacità di tradurre in opere il bene. Caratteristiche che anticipano uno degli aspetti che più colpisce nella sua eccezionale personalità di donna e di mistica.

C’è tuttavia un altro avvenimento della sua fanciullezza che merita di essere ricordato sia perché anticipa in qualche modo le grandi esperienze mistiche della giovinezza e della maturità, sia per la sincerità con cui Marianna lo riferisce.

La nostra protagonista non ha ancora compiuto otto anni quando viene colpita da una grave malattia che la porta in fin di vita. Il papà è morto da poco. Un francescano suggerisce alla mamma di «votarla alla santissima Vergine della Concezione». La Madonna esaudisce le preghiere della famiglia e della stessa Marianna che la invoca: «Maria, aiutatemi!». In una visione la piccola inferma vede «la Santissima Vergine innanzi a Nostro Signore a intercedere per me. Ma Nostro Signore non voleva farmi la grazia, facendoli vedere quanto li saria stata ingrata. Ma alla fine mi fece la grazia, non riguardando alla mia poca corrispondenza, perché in luogo di renderli le dovute grazie di beneficio sì grande, incominciai a offenderlo» .

Superata la grave malattia, Marianna si rivela una bambina vivacissima, esuberante di vita e di voglia di vivere, sensibilissima e affettuosa, curiosa di scoprire e sperimentare la realtà che la circonda e, nello stesso tempo, attratta e affascinata dal mistero di Dio. Nei suoi ricordi emerge nitida la lotta che già in questa tenera età deve sostenere tra il desiderio grande di darsi tutta al Signore e il fascino forte che la vita mondana esercita su di lei. Ne risulta un quadretto ameno, in cui la nostra protagonista scopre la sua precoce femminilità con sincerità singolare: «Mi compiacevo di adornarmi con abiti vani e curiosi, spendendo molte ore allo specchio. Andavo spesso in bizzarrie per non essere così bella come avrei voluto, lamentandomi con mia madre, e la facevo mettere in collera qualche volta. Mi spiaceva vedere altre della mia età più aggiustate di me, e tanta era la mia malignità che, se mi fosse stato lecito, gli avrei strappato tutto dà dosso: insomma era tanta la mia vanità, che la serva di casa mi diceva che non ero buona ad altro che di star allo specchio a berlicarmi». Mi studiavo di parlar bene e per sentenze e desideravo d’esser lodata e stimata più delle mie compagne. Mi gustavo di veder gioventù che mi facesse servitù, e mi amassero e mi facessero presenti».

A questo punto si accorge di avere forse esagerato un po’ nel ricordare i suoi peccati (si pensi che non aveva ancora dodici anni!) e precisa: «ma in questo non comprendevo il gran male che poteva succedere e il continuo pericolo che avevo di offendere Dio, ma solo mi compiacevo d’esser adulata dal mondo e stimata e lodata per la più brava di tutte le altre».

La sua bravura, quella che soprattutto attirava l’attenzione e i complimenti degli altri nei ricevimenti di società era la danza, una vera passione, in cui eccelleva superando in grazia ed eleganza «tutte le altre»: «Gustavo molto di ballare, e mi studiavo molto di passare le altre…e spesso mi ridevo di loro, crescendo sempre la mia propria stima». Più avanti, parlando del periodo successivo alla prima comunione (15 agosto 1672), in cui si era impegnata a una vita più ritirata e penitente con l’aiuto di un santo sacerdote che le insegna «a mortificare le mie passioni e male inclinazioni», ammette ancora che quella del ballare «era grande».

Dopo aver completato il quadro delle mancanze infantili con la confessione di «qualche bugia, però in cose leggiere», di «qualche risentimento e cagnine con miei fratelli», deve ammettere che «la mormorazione la fuggivo più che la morte, non portavo mala volontà a nissuno, perché contro la carità andavo molto riguardata».
In questo continuo altalenare tra Dio e il mondo, a Marianna accade un episodio che segnerà la sua spiritualità per tutta la vita: l’incontro col Crocifisso. Nel rievocarlo, si rivolge direttamente al Signore, esclamando con la sua consueta sincerità: «Mi cavasti dal fango del pazzo mondo, incominciandomi a venirmi a nausea le delicie e gusti del mondo, di sorte che pativo un gran tormento perché il proprio naturale li gustava, e dall’altra Nostro Signore a lui mi chiamava, e così combattendo ora ridevo, ora piangevo. E stando in questa maniera, trovai un Crocifisso senza la croce e li avevano rotti li bracci. Io quando lo vidi, mi fece gran compassione e lo presi, mettendolo nel letto della buatta (bambola) gettandola via. Mi intenerii tanto che mi disfacevo tutta in lacrime e mi pareva gran crudeltà che l’avessero trattato di questa maniera: mi sentivo a dire dentro di me che io ne ero la causa. Questo mi faceva struggere di pena: spendevo molte ore in questo trattenimento, pregandolo che mi perdonasse li miei peccati, e Nostro Signore concorreva meco distaccandomi da quel pazzo mondo, dandomi sentimenti e desideri grandi».

Non si sa esattamente quanti anni avesse Marianna all’epoca di questo avvenimento così decisivo, ma sebbene confessi le sue civetterie «e passatempi», gioca ancora con la bambola. Il gesto spontaneo di «gettarla via» per sostituirla col Crocifisso anticipa un altro tratto peculiare della sua forte personalità: l’immediatezza e la radicalità nelle scelte. Sorprende in questa bambina la capacità di trascorrere «molte ore» in preghiera, nonostante la naturale vivacità e il fascino che su di lei esercitano le conversazioni mondane dove – a detta del suo primo biografo – essendo «di naturale affatto trattabile, cortese, dolce, affettuoso, amabile nelle maniere… piacevole nel portamento, graziosa nel discorso, ognuno la voleva per sé, e come fu sempre la beniamina della madre, così era la diletta della famiglia». Lei stessa ammette che la lotta interiore è dura: «Subito che mi veniva l’occasione, ero più scaldata di prima, e andando da Nostro Signore, ritornavo tutta in lacrime, ma alla fine mi straccai più io che non si straccò il mio Dio».

 

 

 

< Beata Maria                                                                           La porta del >

 

 

orari quotidiani

Feriali
S. Messa ore 07,15
Festivi
S. Messa ore 08,00
Vespri ore 17,00
Sabato
ore 17,30 Canto Solenne
della Salve regina

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri 494 iscritti.

Ultimi articoli

Seguimi su Twitter


Share This